Dove andare al mare a Pozzuoli vicino Napoli

Il Comune di Pozzuoli è bagnato da acque limpide e azzurre per circa 10 km di costa, tuttavia non tutte le sue coste sono balneabili, anche a causa della presenza di porti commerciali e turistici. Di seguito si riportano le principali località balneari.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Pozzuoli è il capoluogo dell’area dei Campi Flegrei ed è sempre stata una città a stretto contatto il mare. Il Comune è bagnato dalle acque costiere per circa 10 km, tuttavia non tutte le sue coste sono balneabili, anche a causa della presenza di porti commerciali e turistici.

Secondo i rilievi ARPA Campania, aggiornati periodicamente, la qualità delle acque puteolane è quasi sempre ottimale ai fini della balneazione. Le acque del mare di Pozzuoli sono perlopiù trasparenti grazie ai pochi sedimenti limacciosi in sospensione. Il colore del mare presso la riva assume le sfumature scure della sabbia di tufo, per diventare acquamarina / verde e blu cobalto al largo.

Ricorda che il mare è di tutti, pertanto non inquinarlo! Quando frequenti i lidi, soprattutto le spiagge libere, porta con te i rifiuti che produci perchè non ci saranno altri a farlo per conto tuo. Non contribuire al degrado! Il mare ringrazia e gli altri bagnanti come te anche.

Il Lungomare di Via Napoli – Corso Umberto

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Dalla rocca del Rione Terra fino alla fine del Lungomare di Via Napoli (il nome ufficiale è Lungomare Yalta) si estendono circa 1,5 km di costa balneabile. L’accesso al mare non risulta sempre facile, in quanto la costa è per gran parte protetta da scogliere e banchi di cemento che vanno scavalcati prima di giungere in acqua. La costa è bassa e sabbiosa e sono pochi i tratti adibiti a spiaggette. La qualità dell’acqua migliora allontanandosi progressivamente dal centro di Pozzuoli (misurazioni ARPA Campania). Una curiosità: in alcuni punti della costa sono presenti sorgenti idrotermali di acqua calda naturale, tipiche della costa flegrea.

Un lido in concessione sul lungomare di Pozzuoli. Sullo sfondo libera balneazione e il Rione Terra [foto C. Fiorentino]
  • LIDI CON CONCESSIONI BALNEARI: generalmente scarsi, non sempre presenti (consultare il Comune)
  • SPIAGGE LIBERE: l’intero tratto è quasi totalmente privo di stabilimenti ed è liberamente fruibile
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI IN ZONA: presenti in abbondanza in quanto zona residenziale
  • MEZZI PUBBLICI: l’area è comodamente raggiungibile dalla Ferrovia Cumana con le fermate Cappuccini o Gerolomini
  • FACILITA’ DI PARCHEGGIO: sono disponibili parcheggi su strada e un parcheggio multipiano comunale con 330 posti
  • ACCESSO PER DISABILI: molto difficile / non disponibile

Il litorale di Via Napoli fino a Bagnoli

Dalla fine del Lungomare di Via Napoli fino a Bagnoli, quartiere di Napoli, si contano circa 4 km di costa balneabile. Successivamente, la balneazione è interdetta fino a Coroglio perchè l’accesso al mare è negato dalla presenza delle strutture residue dell’acciaieria dismessa Italsider. Anche qui l’accesso al mare non è diretto per la presenza di scogliere e banchi cementizi. Superati gli ostacoli si trova una costa sabbiosa. La qualità delle acque migliora progressivamente allontanandosi dal centro di Pozzuoli (misurazioni ARPA Campania) e peggiora avvicinandosi al centro di Bagnoli.

Bagnanti presso Via Napoli, tra Pozzuoli e Bagnoli. Sullo sfondo Capo Posillipo e Nisida.
  • LIDI CON CONCESSIONI BALNEARI: generalmente scarsi, non sempre presenti (consultare il Comune)
  • SPIAGGE LIBERE: l’intero tratto è quasi totalmente privo di stabilimenti ed è liberamente fruibile
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI IN ZONA: presenti alcune attività ristorative
  • MEZZI PUBBLICI: l’area è comodamente raggiungibile dalla Ferrovia Cumana con le fermate Gerolomini o Dazio
  • FACILITA’ DI PARCHEGGIO: sono disponibili parcheggi su strada e un parcheggio multipiano comunale con 330 posti
  • ACCESSO PER DISABILI: molto difficile / non disponibile

Il litorale di Arco Felice

Il lido di Arco Felice ha conservato negli anni la sua vocazione balneare a stretto contatto con il quartiere residenziale omonimo, mantenendo una forte presenza di stabilimenti balneari in concessione. La ferrovia, che taglia la linea di costa, non consente sempre un facile accesso ai lidi (specialmente per i disabili su carrozzina) ed è necessario attraversare sottopassaggi e/o cavalcavia, eccetto per l’area delle ex-Monachelle. Le coste sono basse e sabbiose, le spiagge non sono particolarmente estese e nei periodi di picco potrebbero risultare affollate. La qualità delle acque è quasi sempre ottima.

Uno stabilimento balneare tra Arco Felice e Lucrino [foto C. Fiorentino]
  • LIDI CON CONCESSIONI BALNEARI: numerosi, attivi anche in inverno con ristorazione e/o servizio bar
  • SPIAGGE LIBERE: 1km circa di spiaggia libera tra ex complesso Monachelle e stabilimento Prysmian
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI IN ZONA: presenti in abbondanza in quanto zona residenziale
  • MEZZI PUBBLICI: l’area è comodamente raggiungibile dalla Ferrovia Cumana con la fermata Arco Felice
  • FACILITA’ DI PARCHEGGIO: sono disponibili parcheggi su strada su strisce blu
  • ACCESSO PER DISABILI: possibile ma potrebbero non essere presenti attrezzature

Il litorale di Lucrino fino a Baia

Da ArcoFelice fino al confine con Baia (Comune di Bacoli) prosegue il litorale con la stessa continuità di quello di Arco Felice, con l’unica differenza di una maggiore estensione delle spiagge. Anche per questo tratto (eccetto per la spiaggia libera di Lucrino) per raggiungere i lidi è necessario superare alcune rampe di scale. Le coste sono basse e sabbiose, le spiagge non sono particolarmente estese e nei periodi di picco potrebbero risultare affollate. La qualità delle acque è quasi sempre ottima. Davanti lo specchio d’acqua di Arco Felice e Lucrino, è possibile raggiungere a nuoto o con guide abilitate le varie rovine romane della Città Sommersa. Una curiosità: in alcuni punti della costa, al di sotto della sabbia, sono presenti sorgenti idrotermali di acqua calda naturale, tipiche della costa flegrea.

Uno stabilimento balneare di Lucrino. Sullo sfondo il Castello di Baia, il porto di Baia e Punta Epitaffio
  • LIDI CON CONCESSIONI BALNEARI: numerosi, attivi anche in inverno con ristorazione e/o servizio bar
  • SPIAGGE LIBERE: poco meno di 300 metri di spiaggia libera nei pressi della stazione Cumana
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI IN ZONA: presenti in abbondanza in quanto zona residenziale
  • MEZZI PUBBLICI: l’area è comodamente raggiungibile dalla Ferrovia Cumana con la fermata Lucrino
  • FACILITA’ DI PARCHEGGIO: sono disponibili parcheggi su strada su strisce blu, anche servizi di navetta per determinati lidi
  • ACCESSO PER DISABILI: alcuni lidi hanno attrezzatura specifica per disabilità

Il litorale di Cuma e Licola Mare

Da Torregaveta fin quasi a Gaeta (nel Lazio) si estende il più lungo litorale della Campania con coste molto basse e sabbiose. La pertinenza del Comune di Pozzuoli inizia dalla fine del Fusaro e termina con la località Licola Mare. Le acque sono tutte balneabili e la qualità è generalmente buona eccetto per l’area in prossimità della foce del depuratore di Cuma (anche se dal 2021 la purificazione delle acque reimmesse in mare è pressochè ottimale). Sono presenti numerosi lidi attrezzati ma anche molte spiagge libere, vale la pena menzionare l’intera duna sabbiosa della Foresta Regionale e Monte di Cuma e il progetto dell’associazione Licola Mare Pulito che mantiene pulita, libera e fruibile gran parte del lido di Licola Mare, negli anni ’70 principale località balneare Flegrea.

Le acque basse e sabbiose della Marina di Licola dopo il Monte di Cuma, sullo sfondo il Monte di Procida e le isole Flegree
  • LIDI CON CONCESSIONI BALNEARI: numerosi, attivi anche in inverno con ristorazione e/o servizio bar
  • SPIAGGE LIBERE: più di 4km, da segnalare tutta l’area della Foresta Regionale e Monte di Cuma e la Spiaggia Libera Licola Mare Pulito
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI IN ZONA: scarse, lontane da raggiungere a piedi eccetto per Marina di Licola
  • MEZZI PUBBLICI: l’area è raggiungibile dalla Ferrovia Cumana con le fermate Fusaro o Licola o tramite Ferrovia Circumflegrea con le fermate Fusaro Lido / Cuma (se attiva) / Marina di Licola, tuttavia potrebbe essere necessario camminare a piedi per alcuni km
  • FACILITA’ DI PARCHEGGIO: numerosi parcheggi a pagamento presso i lidi o su strada
  • ACCESSO PER DISABILI: a livello di strada / alcuni lidi potrebbero essere attrezzati
- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali