Il Monumento ai Caduti sul Lavoro in Pozzuoli

Il monumento è dedicato ai caduti sul lavoro e fu voluto dal Gruppo Amicizia Vincenziana della Casa Pio XII, fu realizzato per il fattivo impegno del presidente della detta associazione, Salvatore Bruno, che purtroppo non ne vide l’inaugurazione essendo deceduto l’8 febbraio 1980 e la cerimonia si tenne solo il 1 maggio dello stesso anno.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Il monumento è dedicato ai caduti sul lavoro e fu voluto dal Gruppo Amicizia Vincenziana della Casa Pio XII, fu realizzato per il fattivo impegno del presidente della detta associazione, Salvatore Bruno, che purtroppo non ne vide l’inaugurazione essendo deceduto l’8 febbraio 1980 e la cerimonia si tenne solo il 1 maggio dello stesso anno.

 

Oggetto: Monumento ai caduti sul lavoro
Denominazione comune: Monumenti ai caduti
Ubicazione: Incrocio tra via Carlo Maria Rosini e rampe Cappuccini (già rampe Achille Maglione e precedentemente ancora rampe Cardito)
Disegnatore: Prof. Raffaele Giamminelli
Ingegnere: Dott. Giovanni Grillo
Autore: Luigi Di Fraia e Gennaro Del Giudice
Costo: ₤ 20.000.000
Dimensioni : h. 3,80 m., spessore 2 cm. (Cristo-Lavoratore)
Materiale: Pietra (la base), marmo (colonna), lamiera in ferro (Cristo-Lavoratore) e metallo (spighe, ruota, àncora)
Inaugurazione: 1 maggio 1980

 

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

L’opera fu disegnata dal prof. Raffaele Giamminelli e realizzata dall’ingegnere Giovanni Grillo. Ogni anno, dal 1980, il 1 maggio, in occasione della festa dei lavoratori, dalla sede del gruppo “Amicizia Vincenziana”, sita all’interno dell’ex complesso “Istituto Maria Ss. Immacolata”, parte il corteo processionale, con in testa i rappresentanti dell’Amministrazione Civica, che arriva al monumento dove volontari depongono una ghirlanda in ricordo di tutti i caduti sul lavoro.

Descrizione del monumento

All’interno di un’aiuola circolare si erge un piedistallo in pietra le cui estremità sono rivestite di marmo rosa. Sulla faccia frontale del blocco in pietra è affissa una targa marmorea che riporta la dedica del monumento “AI / CADUTI / SUL / LAVORO”. Sulla faccia destra, di chi guarda, è affissa una piccola targa metallica che ricorda il principale promotore dell’opera, Salvatore Bruno. Sulla faccia posteriore è affissa una targa metallica che ricorda l’associazione che ne volle l’opera e la data di inaugurazione:

Testo della targa posteriore

GRUPPO AMICIZIA VINCENZIANA

DI CASA PIO XII

COL CONTRIBUTO DELLA

CITTADINANZA

POZZUOLI    I  MAGGIO  I980

Sulla faccia sinistra, di chi guarda, è affissa una piccola targa metallica che ricorda il progettista, Raffaele Giamminelli.

Sulla base superiore del piedistallo si erge un piccolo podio in pietra. Sul gradino inferiore si eleva una colonna marmorea che ricorda la colonna, secondo la tradizione cristiana, a cui fu legato Gesù al momento della flagellazione.

 

Sul lato destro della colonna, sul gradino alto del podio, si eleva maestosa la figura del Cristo che spalanca e alza le braccia al cielo, pronto all’incontro col Padre. Figurazione di tutti coloro che sono morti sul lavoro e hanno sperato in una vita ultraterrena migliore della precedente.

La scultura è realizzata in lamiera di ferro dello spessore di 2 cm. Ed è opera di Luigi Di Fraia e Gennaro Del Giudice.

Ai suoi piedi alcuni elementi del mondo lavorativo: sei spighe di grano per ricordare tutti i caduti nel settore primario, una ruota dentata per ricordare tutti i caduti del settore secondario, un’ àncora di nave per ricordare tutti i caduti del settore terziario.


Il monumento si trova al centro dell’area panoramica che affaccia sulla sottostante zona di Via Napoli, circondato da giardinetti con aiuole e panchine. Dal belvedere è possibile ammirare l’isola di Capri.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...
Gennaro Lubrano
Gennaro Lubrano
Laureato in Scienze della formazione primaria. Da sempre appassionato di storia, archeologia e arte dei Campi Flegrei. E' stato allievo del Prof. Raffaele Giamminelli e del Prof. Don Angelo D’Ambrosio. Socio del GAN, giornalista e attivista.

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali