Il Castello di Baia, da Villa Romana a Museo dei Campi Flegrei

Il pittoresco Castello Aragonese sul Golfo di Baia è stato una delle più importanti fortificazioni campane contro le incursioni navali. Numerose le vicissitudini legate al luogo: dal 1993 è sede del più grande museo dei Campi Flegrei

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

La Villa Romana di Giulio Cesare

Una villa gigantesca che dominava l’insenatura di Baia

L’attuale Castello di Baia sorge sull’omonima Punta Castello. Nel mezzo dell’impianto del Castello, in epoca recente sono stati rinvenute le tracce di una grande villa romana tardo repubblicana su tre livelli di terrazzamento, poi trasformata in età giulio-claudia in settore residenziale di una villa ancora più estesa, ampliata verso il promontorio orientale (l’attuale piazza d’armi e alla cortina meridionale del Castello) e verso il quartiere marittimo (sono ancora esistenti numerose tracce sommerse di peschiere ed altre strutture marittime) dove si trova attualmente la Spiaggia del Castello di Baia. Sono numerose le fonti storiche relative alle ville dei grandi personaggi politici romani ma illuminante è un passo di Seneca ( Epistulae ad Lucilium V, 51,11) a proposito delle ville che Mario, Pompeo e Cesare avevano fatto costruire a Baia summis iugis montium: videbatur hoc magis militare ex edito speculari late longeque subitecta

Anche C. Mario, Gn. Pompeo e Cesare, cui la sorte diede per primi pubblici poteri sul popolo romano, costruirono le loro ville a Baia, ma le ubicarono sulle cime dei monti: sembrava loro più militare dominare dall’alto in lungo e in largo la zona sottostante. Guarda che posizione hanno scelto, in quali luoghi e come hanno innalzato le loro case: ti renderai conto che non sono ville, ma accampamenti. Seneca (Lettere a Lucilio, V, 51,11)
Baia, vista delle rovine romane e di parte del Parco Archeologico delle Terme. Sullo sfondo il Castello Aragonese

Per approfondire PAOLA MINIERO – La Villa Romana nel Castello di Baia, una riesamina del contesto (2010)

Il castello Aragonese

Avamposto di primo ordine per la protezione delle coste

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Il castello venne costruito nel 1495 da re Alfonso II d’Aragona per difendere il golfo di Pozzuoli dalle incursioni moresche, nell’ambito di un vasto programma di costruzione di sistemi di fortificazione condotto in tutta l’Italia meridionale, con lo scopo sia di predisporre una valida difesa contro le frequenti invasioni saracene, sia contro il tenace antagonismo dei baroni locali, spesso coalizzati per abbattere il dominio reale.

Lo storico Riccardo Filangieri riferisce che il sovrano, avvalendosi dei consigli dell’architetto Francesco di Giorgio Martini, fece erigere una fortificazione a Baia a difesa dell’ampia insenatura che va da Miseno a Nisida. Non restano oggi tracce dell’originaria architettura del castello, quale fu edificato in epoca aragonese, e poi radicalmente trasformato nei decenni successivi del vicereame spagnolo in seguito alle innovazioni introdotte nelle tecniche militari.

Il Golfo di Baia (e castello) nel Civitates orbis terrarum, libro di Frans Hogenberg e Georg Braun (1575)

Il completamento dell’opera di rafforzamento del castello, lasciato interrotto dagli Aragonesi, fu attuato più tardi dal vicerè Pedro Alvarez de Toledo, quando il castello fu danneggiato nel 1538 dall’eruzione di Monte Nuovo, evento che rese necessari estesi restauri, congiunti a quelli voluti da Don Pedro, che comportarono la definitiva perdita della primitiva fisionomia, rappresentata in una xilografia del 1539, nella quale si scorge un altissimo mastio merlato a pianta quadrangolare, cinto da una cortina muraria a sua volta rinforzata da torri angolari parimenti merlate, con base a scarpa e pianta quadrata. Il nuovo organismo edilizio si presentò notevolmente ingrandito verso Sud fu costituito con mura poderose, direttamente poggiate sul banco di roccia tufacea, che fecero assumere ad esso l’aspetto che conserva tuttora.

L’ampio programma di potenziamento del sistema di difesa era concepito come una serie articolata di fortificazioni tra loro organicamente collegate; vennero infatti realizzate piazzeforti disposte prevalentemente lungo la costa (a Gaeta, Mondragone, Ischia, Baia e Pozzuoli), per ostacolare lo sbarco delle flotte nemiche.

Il Castello di Baia dopo la fine del presidio militare

Scenario di conflitti, carcere di guerra e orfanotrofio

Nel Settecento il castello fu quindi interessato da numerosi eventi: per un trentennio fu occupato dalle truppe austriache, subì nuovi assedi durante il breve periodo della Repubblica partenopea, e una ulteriore breve occupazione da parte delle truppe francesi di Giuseppe Bonaparte; e dopo la riconquista borbonica si procedette al rafforzamento del fortino a mare ed alla costruzione di nuovi quartieri per i soldati.

Baia (e castello) in una foto di G. Sommer (1890)

Nel 1887 il presidio militare del castello cessò la sua funzione di fortificazione posta a difesa del litorale flegreo, periodo a partire dal quale iniziò una fase di declino, con continui trasferimenti di proprietà da un’amministrazione all’altra.

Durante la prima guerra mondiale il forte fu adibito alla custodia dei prigionieri di guerra, per cui sul terrazzo della Torre Tenaglia furono innalzati alti muri per la creazione di un recinto.

Nel 1926 l’Alto Commissariato della Provincia ed il Comune di Napoli ottennero dal Demanio dello Stato che il castello fosse destinato a sede di un grande istituto per gli Orfani di Guerra; nell’arco di tre anni vennero effettuate notevoli opere che trasformarono radicalmente il castello, alterando e talvolta cancellando le tracce delle costruzioni realizzate nei secoli precedenti.

Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei

Il castello è oggi la sede del più importante museo Flegreo

Nel 1975 il castello cessò la sua funzione di orfanotrofio e la proprietà tornò al Demanio, che nel 1984 provvide ad assegnarlo alla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Napoli e Caserta, che ne aveva proposta la destinazione a museo archeologico dedicato dell’area flegrea.

Cariatidi dal Rione Terra di Pozzuoli presso il Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia [archeoflegrei]

L’allestimento museale ricostituisce contesti smembrati di provenienza flegrea (in diverse aree tematiche relative principalmente a Puteoli, Cuma, Baia Bacoli e Misenum, Liternum), riunendo reperti di vecchio ritrovamento, un tempo custoditi prevalentemente nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, a quelli provenienti dai recenti scavi dell’Università Federico II, dell’Orientale, del Centre J. Bérard e della Soprintendenza stessa.

Come arrivare al Castello di Baia

Si può raggiungere agevolmente il Castello di Baia tramite servizio di trasporto pubblico con bus. Attualmente la fermata della ferrovia Cumana più vicina al Castello è quella di Lucrino, che dista circa 3km dal Castello.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali