TOTO’ Solfatara DAY

Venerdì 19 Maggio 2017 si terrà, presso la Solfatara di Pozzuoli, un evento divulgativo culturale che unirà una conferenza sulla storia geologica flegrea assieme ad una replica della scena del celebre film di Totò 47 Morto che Parla.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Non tutti sanno che nel 1950, all’interno del cratere della Solfatara furono girate alcune scene del famoso film 47 Morto che parla, diretto da Carlo Ludovico Bragaglia e con protagonista il celebre Totò, all’anagrafe Antonio de Curtis.

Nella rassegna di eventi culturali per il cinquantenario dalla scomparsa del mitico artista Napoletano, venerdì 19 maggio, anche l’Ordine dei Geologi della Campania, assieme ad alcuni professori dell’università Federico II (Dipartimento di Scienze della Terra) hanno deciso di omaggiare il principe della risata.

Dalle 15 alle 19 si terrà una conferenza sulla storia geologica flegrea alla quale sarà successivamente, messa in scena da attori odierni, una replica cinematografica della sopracitata pellicola, proprio negli stessi luoghi della Solfatara dove venne ambientato l’Inferno. Gli attori saranno Danilo Piscopo, Gabriele Gigante, Jenny Del Prete e Noemi Perfetti. L’ingresso è gratuito.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

Bacoli, i Fenici dietro il nome della città Campana?

Il nome Bauli era celebre nell’antichità romana, ed è legato alla leggenda di Ercole, il quale, tornando dalle sue “fatiche”, pare abbia fatto riposare proprio a Bacoli i buoi sottratti a Gerione, ma potrebbe derivare in realtà dalla divinità fenicia Baal.

Cosa fare e cosa vedere nei Campi Flegrei in Campania

I Campi Flegrei sono un luogo incredibilmente eterogeneo: sono un viaggio denso tra la storia, l'archeologia, la cultura meridionale, la natura, il mare. I Campi Flegrei vanno scoperti lentamente con meraviglia continua

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

Bacoli, i Fenici dietro il nome della città Campana?

Il nome Bauli era celebre nell’antichità romana, ed è legato alla leggenda di Ercole, il quale, tornando dalle sue “fatiche”, pare abbia fatto riposare proprio a Bacoli i buoi sottratti a Gerione, ma potrebbe derivare in realtà dalla divinità fenicia Baal.

Cosa fare e cosa vedere nei Campi Flegrei in Campania

I Campi Flegrei sono un luogo incredibilmente eterogeneo: sono un viaggio denso tra la storia, l'archeologia, la cultura meridionale, la natura, il mare. I Campi Flegrei vanno scoperti lentamente con meraviglia continua

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta