Il Ritorno di Zeus

Giugno 2017 - Torna a Napoli un'opera di ispirazione greca asportata illegalmente durante le razzie al patrimonio sommerso della costa Flegrea a cavallo tra gli anni 70 e 80. Scopriamo Zeus in trono.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

A volte le storie hanno un lieto fine: questa ci narra di un ritorno in patria di una preziosa statua proveniente dai Campi Flegrei, precisamente dalla zona di Baia-Bacoli (NA).

La statua di Zeus in trono
Zeus in trono ©Paul Getty Museum

La statua risale al 100 a.C. ed è grande 74 × 46 × 45.6 cm.

Lo scultore di questa statuetta fu certamente influenzato dall’opera di Fidia (in particolar modo dall’opera colossale di Zeus per il tempio a lui dedicato ad Olimpia, in Grecia, realizzata nel 430 a.C.). In quest’opera Zeus siede su un trono riccamente elaborato dallo schienale alto, con i suoi piedi appoggiati ad un basso sgabello. Il suo mantello lascia il maestoso petto esposto. Il suo braccio destro, alzato, purtroppo oggi monco e consumato dai litodomi, probabilmente un tempo reggeva la classica saetta, mentre il braccio sinistro reggeva uno scettro, anch’esso andato perduto a causa dell’esilità della sua forma.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Questa statuetta probabilmente era parte del corredo di un larario di una ricca famiglia greca o romana. Da come si può facilmente evincere dalle sue condizioni, la statua ha trascorso gran parte della sua esistenza capovolta su di un lato, sommersa nelle acque flegree. La parte sinistra, meglio conservata, era certamente seppellita nella sabbia, che ha consentito una conservazione migliore della superficie.

Ricostruzione della posizione di ritrovamento della statua ©archeoflegrei
La ricettazione ed il ritorno a Napoli

La statua fu sicuramente asportata illegalmente dalla zona Flegrea. A confermarlo è stato un frammento posseduto dagli archeologi locali ed elemento inconfutabile per provare la proprietà e l’origine dell’opera. Nel 1987 il collezionista londinese Robin Symes, proprietario della statua, decise di venderla a Barbara and Lawrence Fleischman, i quali a loro volta decisero di venderla al Paul Getty Museum a Los Angeles, negli Stati Uniti d’America. Oggi la statua fa ritorno a Napoli, su richiesta della procura e del Mibact, trovando favorevole la cessione da parte del museo americano, anch’esso parte lesa dai ricettatori.  La statua verrà consegnata al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), sebbene avremmo auspicato per una consegna al Museo Archeologico dei Campi Flegrei al Castello di Baia.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali