Terme dette Tempio di Nettuno

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Il cosiddetto tempio di Nettuno a Pozzuoli è in realtà ciò che resta di un grande edificio termale pubblico di Puteoli. Tale complesso fu appositamente studiato per ottenere un grande effetto scenografico per chi giungesse dal mare: è infatti disposto su più livelli digradanti verso il porto.

1pozzuoli2
Pianta del Sommella

L’edificio risale al II secolo d.C., realizzato con una tecnica costruttiva prevalentemente in laterizi e opus reticolatum, ma fu successivamente ampliato e ristrutturato come dimostrano i numerosi interventi strutturali, in particolare risalenti all’età severiana e testimoniati dai bolli, ma soprattutto dall’annesso ninfeo (cosiddetto Ninfeo di Diana) il quale fu realizzato proprio in quel periodo in concomitanza con i restauri alle terme.

Gli ambienti delle terme

Come in tutti gli edifici termali romani, l’attraversamento degli ambienti doveva avvenire in maniera lineare: dall’attuale via Terracciano vi era certamente la natatio e forse l’area adibita a palestra, poi seguivano il frigidarium per i bagni freddi, tepidarium per l’ambientamento e calidarium per il bagno caldo. Questi ultimi due ambienti sono quelli peggio conservati in quanto sono quasi completamente inglobati negli attuali edifici prospicienti su Via Pergolesi e dovevano comprendere anche i praefurnia, ambienti adibiti al riscaldamento delle acque che servivano il calidarium e il tepidarium.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -



Il declino

Il complesso termale fu utilizzato fino al IV secolo d.C., dopodichè cadde in rovina, presumibilmente a causa della difficoltà di mantenere operativo il complesso sistema di approvvigionamento idrico e il suo funzionamento generale, durante il periodo di decadenza dell’impero e delle istituzioni romane. In seguito, a differenza di molti altri monumenti che nei secoli vennero naturalmente interrati dal tempo, le terme rimasero esposte ad ogni tipo di saccheggio e aggressione meteorica, consegnandoci così ben poco di quello che dovette essere questo monumentale edificio, non dissimile dalle grandi Terme di Roma, come quelle di Traiano o Diocleziano.

 

 


Bibliografia

  • Caputo – Pugliese, La via delle terme: itinerari dell’area flegrea dall’antichità ad oggi, Napoli, Pironti 1997
  • Sommella Paolo -“Forma e Urbanistica di Pozzuoli Romana ” in “Puteoli, Studi di storia antica” vol. II. Pozzuoli 1978
- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

Il Castello di Baia, da Villa Romana a Museo dei Campi Flegrei

La Villa Romana di Giulio Cesare Una villa gigantesca che...

NEWS / Inaugurazione galleria SPAZIO MARTE a Pozzuoli

POZZUOLI / Sabato 1 Ottobre 2022 alle ore 18.30...

Fascismo e urbanistica nei Campi Flegrei

Durante il Ventennio fascista non mancarono le opere pubbliche...

EAV CUMANA / Chiude Stazione di Cantieri e annuncio lavori di ammodernamento

L'Ente Autonomo Volturno rende noto che il 3 ottobre p.v....

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...