La Scuola medica salernitana ed i bagni di Pozzuoli

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

“Si tibi deficiant medici, medici tibi fiant haec tria: mens laeta, requies, moderata diaeta” (Se ti mancano i medici, siano per te medici queste tre cose: l’animo lieto, la quiete e la moderata dieta)

Dal “Regimen Sanitatis Salernitanum

I maestri di Salerno

La scuola medica di Salerno dev’essere considerata la più antica istituzione medievale nell’Occidente europeo per l’esercizio e per l’insegnamento della medicina. A essa si diressero la maggior parte di coloro che vollero apprendere l’arte medica e da essa si diffusero per ogni parte d’ Europa

Pietro da Eboli

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Tra i maestri della scuola, per il sec. XIII, vi è senz’altro Pietro da Eboli, medico personale (e poeta ufficiale) di Enrico VI, autore del De balneis Puteolanis (1212), probabilmente dedicato a Federico II, che descrive le qualità mediche di trentacinque bagni termali nei Campi Flegrei, fra Napoli e Baia.

Le epigrafi distrutte

Ettore da Procida, Antonio Solimene e Filippo Capograsso sembrano da ascrivere all’età di Federico II di Svevia, ed è probabilmente falsa la leggenda che li vuole distruttori delle epigrafi poste a spiegazione delle diverse fonti termali e curative di Pozzuoli, per la loro invidia di medici salernitani contro le proprietà curative delle acque flegree.

Una leggenda più antica e poco conosciuta

Esiste anche una leggenda più antica che ha per tema la presunta rivalità tra l’ars medica dei maestri salernitani e le virtù curative dei bagni termali di Pozzuoli.

Infatti, secondo una notizia probabilmente derivante dai commentari non pubblicati di Rabano Mauro, maestro di Valafrido (IX sec.), poi tramandata in alcune glossae bibliche del X sec.,“Pozzuoli è una località oltre Roma dove Virgilio costruì dei bagni medicinali: ciascuna vasca era individualizzata da iscrizioni proprie sulle quali, come si dice, era indicato per quali malattie fungesse da cura. Perciò i Salernitani , spinti da invidia, giungendo in forze, distrussero le iscrizioni e danneggiarono gli edifici”.

Foto: la scuola medica in una miniatura del Canone di Avicenna
- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

Il Castello di Baia, da Villa Romana a Museo dei Campi Flegrei

La Villa Romana di Giulio Cesare Una villa gigantesca che...

NEWS / Inaugurazione galleria SPAZIO MARTE a Pozzuoli

POZZUOLI / Sabato 1 Ottobre 2022 alle ore 18.30...

Fascismo e urbanistica nei Campi Flegrei

Durante il Ventennio fascista non mancarono le opere pubbliche...

EAV CUMANA / Chiude Stazione di Cantieri e annuncio lavori di ammodernamento

L'Ente Autonomo Volturno rende noto che il 3 ottobre p.v....

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...
Vincenzo Casillo
Vincenzo Casillo
Vincenzo Casillo nasce a Pozzuoli il 01/04/1970. Laureato in giurisprudenza e baccelliere in teologia, attualmente insegna presso un liceo parificato. Porta avanti alcune ricerche del compianto A. D’Ambrosio sulle origini del cristianesimo nella zona flegrea.