Da Nisida a Canterbury

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Siamo alla fine del VII sec. d.C.

Papa Vitaliano lo chiama per nominarlo Arcivescovo di Canterbury.

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

In quel momento Adriano («nativo di Hadria» – attuale Atri in Abruzzo – dal latino) è abate del monastero di Nisida presso Napoli. Non se la sente, di assumere un incarico così prestigioso. Anche perché la sua salute non è buona. E allora trova e propone un altro candidato, che considera più idoneo: Teodoro. E con questa soluzione, l’Inghilterra riceve «in un colpo solo» due autorevoli personaggi che daranno lustro e popolarità alla sede di Canterbury e a tutta la Chiesa inglese, perché Adriano lo segue come suo aiutante: Teodoro è colto e saggio, ma avanti con gli anni, 66.

Teo­doro e Adriano riempiono di libri il monastero di Canterbury, che grazie a loro due diviene una delle scuole più importanti del tempo, da cui fioriranno Vescovi e abati dotti e sapienti. Il vecchio Teodoro e il giovane Adriano vengono circondati da crescente e costante ammirazione, e tra i loro estimatori c’è anche il monaco Beda di Jarrow – diventerà noto alla storia come Beda il Venerabile – che li ha accompagnati nel faticoso viaggio da Roma.

Vitaliano pone poi Adriano a capo del Monastero dedicato a Sant’Agostino di Canterbury.
Teodoro e Adriano, Adriano e Teodoro: Canterbury e l’Inghilterra contemplano questa accoppiata sempre in movimento nelle parrocchie, scuole, sale di canto. «I due» giunti da Roma insegnano agli inglesi i canti «romani». E poi sono docenti di astronomia, protettori e stimolatori della poesia.
Insieme affrontano anche problemi ecclesiali difficili, in particolare quello di fissare un’unica data, romana, per la celebrazione della Pasqua.

Adriano proseguirà la sua opera anche dopo la morte dell’Arcivescovo Teodoro, ma sempre da abate e basta. Fino all’anno della sua scomparsa avvenuta intorno al 709.

(da https://www.lastampa.it/)



- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

Bacoli, i Fenici dietro il nome della città Campana?

Il nome Bauli era celebre nell’antichità romana, ed è legato alla leggenda di Ercole, il quale, tornando dalle sue “fatiche”, pare abbia fatto riposare proprio a Bacoli i buoi sottratti a Gerione, ma potrebbe derivare in realtà dalla divinità fenicia Baal.

Cosa fare e cosa vedere nei Campi Flegrei in Campania

I Campi Flegrei sono un luogo incredibilmente eterogeneo: sono un viaggio denso tra la storia, l'archeologia, la cultura meridionale, la natura, il mare. I Campi Flegrei vanno scoperti lentamente con meraviglia continua

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...
Vincenzo Casillo
Vincenzo Casillo
Vincenzo Casillo nasce a Pozzuoli il 01/04/1970. Laureato in giurisprudenza e baccelliere in teologia, attualmente insegna presso un liceo parificato. Porta avanti alcune ricerche del compianto A. D’Ambrosio sulle origini del cristianesimo nella zona flegrea.

Bacoli, i Fenici dietro il nome della città Campana?

Il nome Bauli era celebre nell’antichità romana, ed è legato alla leggenda di Ercole, il quale, tornando dalle sue “fatiche”, pare abbia fatto riposare proprio a Bacoli i buoi sottratti a Gerione, ma potrebbe derivare in realtà dalla divinità fenicia Baal.

Cosa fare e cosa vedere nei Campi Flegrei in Campania

I Campi Flegrei sono un luogo incredibilmente eterogeneo: sono un viaggio denso tra la storia, l'archeologia, la cultura meridionale, la natura, il mare. I Campi Flegrei vanno scoperti lentamente con meraviglia continua

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta