Cosa vedere a Baia, vicino Napoli

Baia è una graziosa marina del Comune di Bacoli. Un tempo centro nevralgico dello svago della Roma antica, oggi ospita il complesso archeologico delle Terme di Baia, la Città Sommersa e altri importanti luoghi di interesse

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Baia, l’Antica Baiae dei romani, è un piccolo abitato dislocato in una insenatura idilliaca della costa flegrea, meta privilegiata di Imperatori, famosi politici e imprenditori della Roma antica. Oggi Baia, ricade nel Comune di Bacoli. Il quartiere è uno dei porti turistici più importanti dell’area Flegrea, ospita numerosi ristoranti di mare ed altre strutture ricettive, ma le vere attrazioni sono le monumentali rovine romane del complesso delle Terme ma anche le affascinanti rovine subacquee della cosiddetta Città Sommersa.

Ricostruzione di Baiae in epoca romana, [Jean Claude Golvin]

Il Porto e il Tempio di Venere

Vale sicuramente la pena fare una passeggiata sulla banchina del piccolo porto di Baia ammirando la costa opposta del Golfo di Pozzuoli. Per anni il porto ha costituito lo scalo per il trasporto delle merci dirette e provenienti dalle vicine isole di Ischia e Procida.
Attualmente ha assunto una destinazione turistica e diportistica con la realizzazione di una serie di infrastrutture ad essa dedicate, e l’apertura di numerosi esercizi commerciali e di ristorazione che affacciano sulla banchina di riva. Notevole spazio è dato inoltre all’attività cantieristica.

La banchina del molo di Baia [MAPIO]

Sul porto non è difficile notare l’enorme mole di ciò che resta del cosiddetto Tempio di Venere, in realtà una grande aula termale di una natatio (una piscina con acqua) risalente al II° sec. d.C. E’ liberamente visibile dall’esterno.

Il Tempio di Venere e il porto di Baia, fine ‘800 [SOMMER]

Il Tempio di Diana

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Creduto un tempio, fu in realtà una grande aula termale romana, forse l’ultimo dei grandi complessi termali di Baia, costruito probabilmente intorno al III secolo d.C. durante l’età severiana. La sua cupola di quasi 30 metri di diametro, in parte sopravvissuta, è la quarta per dimensioni tra le cupole più grandi dell’impero romano. E’ liberamente visibile dall’esterno.

Il Tempio di Diana a Baia [foto ARCHEOFLEGREI]

La Città Sommersa

A causa del bradisismo, la costa delle città romane di Baiae e Puteoli risulta oggi sommersa alcuni metri sotto al livello del mare. Negli ultimi decenni sono state rinvenute intere strade, strutture architettoniche, mosaici, statue ed altri oggetti della vita quotidiana di ricchi proprietari (come quelli quella villa di Gaio Calpurnio Pisone, o di strutture pertinenti al Palazzo Imperiale, come il Ninfeo Sommerso di Punta Epitaffio). E’ possibile visitare il complesso di Baia Sommersa tramite i centri SUB abilitati del territorio oppure, all’asciutto, acquistando un biglietto per battelli con fondo trasparente.

Il Parco Archeologico delle Terme di Baia

Questo complesso monumentale ricade nell’amministrazione del Parco Archeologico dei Campi Flegrei. E’ uno dei siti principali del Parco per estensione ed importanza. Al suo interno si trovano i resti di numerosi complessi termali, ricettivi e ricreativi, che spaziano dall’età Repubblicana fino al Tardo Impero. Alcune di queste strutture termali continuarono ad essere usate anche durante il medioevo. Celebre e misterioso è il cunicolo sotterraneo che fu creduto l’ingresso per l’ade. Va fatta una menzione speciale anche alla pianta di fico che cresce sottosopra all’interno di una volta romana! L’ingresso al complesso è a pagamento.

Il Castello Aragonese e Museo Archeologico dei Campi Flegrei

Sulla collina che domina Baia sorge il Castello Aragonese, fortezza voluta nel 1495 da re Alfonso II d’Aragona che si servì della consulenza dell’architetto senese Francesco di Giorgio Martini. Successivamente, il castello venne ampliato e ristrutturato dal Vicerè Don Pedro Álvarez de Toledo durante il viceregno spagnolo. Il fortilizio fu costruito al di sopra di una grande villa romana, forse quella appartenuta a Caio Giulio Cesare. Oggi ospita il Museo Archeologico dei Campi Flegrei, con le sue ricche collezioni relative a Puteoli, Cuma, Baiae, Bauli, Misenum, Liternum. L’ingresso del museo è a pagamento.

Come arrivare a Baia

Attualmente la stazione più vicina è: LUCRINO – Ferrovia Cumana (la stazione BAIA è in costruzione).

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali