Carta Archeologica dei Campi Flegrei

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Questa mappa vuole essere una guida sintetica e uno strumento di localizzazione di gran parte dei singoli ruderi, complessi e siti archeologici dei Campi Flegrei. Le località interessate sono Pozzuoli, il Rione Terra, Monterusciello, Arco Felice, Cuma, Quarto, Bacoli, Monte di Procida, Miseno, Torregaveta, Lucrino, Baia, Agnano, Lago Patria, Ischia, Procida e i golfi marini.

La collocazione degli indicatori e la realizzazione della mappa digitale è stato frutto dell’impegno di Cristiano Fiorentino, principalmente attraverso:

  • consultazione della “PVTEOLI Carta Archeologica dei Campi Flegrei edizione 1993 ZEVI
  • consultazione della carta allegata al volume “La Forma della Città e del Territorio, Lorenzo Quilici, 2006)
  • consultazioni di altra documentazione ufficiale (volumi Puteoli – studi di storia antica etc.)
  • rilievi e indagini in situ

LEGENDA

  • Rosso – edifici pubblici
  • Giallo – ville ed edifici residenziali
  • Viola – sepolcri, tombe e necropoli
  • Ciano – Cisterne e riserve idriche
  • Blu – Strutture sommerse
- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

 

Se hai apprezzato il lavoro, potresti aiutarmi ad ammortizzare i costi di gestione del sito e del suo miglioramento per l’acquisto e realizzazione di nuovi contenuti. Offrimi un caffè! Grazie! [paypal-donation]

 

- Questo sponsor ci aiuta a crescere -

Ultime

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali

ArcheoCamp 2022 – VI Edizione

dal 26 ottobre al 1 novembre si terrà nei Campi Flegrei la VI edizione dell'ArcheoCamp, rassegna di Archeologia Subacquea, ideata dal Centro Sub Campi Flegrei. Tantissime sono le iniziative previste, tra cui convegno, tavola rotonda, laboratori di archeologia subacquea per le scuole, corsi di archeologia subacquea, visite in immersionee snorkeling al nuovo mosaico dei pesci dove sono stati terminati da poco i lavori di restauro, e tanto altro ancora.

Newsletter

I più letti

Cuma, la prima città greca in Italia

Cuma è la prima colonia di fondazione greca in Italia,...

La Piscina Mirabilis

A Bacoli si fermava, dopo ben 96 km, il...

Cosa vedere a Bacoli

Oggi, dell'antica Bauli romana resta ben poco a testimoniare...

Le Terme di Baia, la piccola Roma

Le Terme di Baia sono un vasto complesso archeologico...

Il Tempio di Serapide di Pozzuoli

Simbolo inequivocabile della città di Pozzuoli sono le tre...

EVENTI / La Montagna Spaccata, presentazione del libro di Mauro Di Vasta

Sabato 12 Novembre 2022 ore 10.00 presso Palazzo Migliaresi, Rione Terra (Pozzuoli) si terrà la presentazione del libro "La Montagna Spaccata, viaggio nei Campi Flegrei sulla via Consolare Puteolis Capuam" dell'architetto Mauro di Vasta

Perchè Pozzuoli si chiama così?

Pozzuoli fu fondata nel 194 a.C. dai romani, con il nome di Puteoli, e deve questo appellativo ai particolari fenomeni geologici caratteristici della terra vulcanica dei Campi Flegrei

Perchè Licola si chiama così?

Licola, località oggi residenziale a nord di Pozzuoli, deve il suo nome ad un lago scomparso a causa della bonifica delle paludi del primo Novecento. Il lago di Follicola era così chiamato proprio perchè abbondava di una particolare specie di volatili, molto apprezzata dai Borbone per le loro battute di caccia reali